DISOCCUPAZIONE

Il sussidio NASpI è rivolto ai lavoratori dipendenti che hanno perso il lavoro in maniera involontaria. Ma oltre ai lavoratori dipendenti, possono fare la domanda di disoccupazione NASpI anche:

• gli apprendisti;

• i soci lavoratori di cooperative con rapporto di lavoro subordinato;

• il personale artistico con rapporto di lavoro subordinato;

• i dipendenti a tempo determinato delle Pubbliche Amministrazioni;

• e i lavoratori domestici.

I REQUISITI

• requisito contributivo: sono necessarie un minimo di 13 settimane di contribuzione Inps nei quattro anni precedenti l’inizio del periodo di disoccupazione;

• requisito lavorativo: sono necessari un minimo di 30 giorni di lavoro effettivo nei 12 mesi che precedono l’inizio del periodo di disoccupazione. E cioè giorni di presenza al lavoro, a prescindere dalla durata oraria.

Il sussidio verrà erogato per non più della metà delle settimane di contribuzione degli ultimi quattro anni. La durata massima è di 24 mesi. L’erogazione termina prima della sua scadenza “naturale” quando chi la riceve comincia un nuovo lavoro, non compare più nelle liste di disoccupazione o diventa titolare di pensione. E in particolare, l’erogazione del sussidio viene interrotta se il reddito generato dalla nuova attività supera le seguenti soglie di reddito minimo:

• lavoro autonomo o attività di impresa: 4.000 euro;

• lavoro subordinato: 8.000 euro.

OGGETTO

ALLEGA SOLO FILE PDF

PRENDI VISIONE DELLA PRIVACY POLICY A QUESTO LINK

ho letto