News

Bonus casa, l’invio all’Enea slitta al 1° aprile

By 12 Marzo 2019 No Comments

La legge di Bilancio 2018 ha introdotto l’obbligo di comunicazione all’Enea (Ente Nuove tecnologie per l’Energia e l’Ambiente) per tutte le opere “generiche” che, pur agevolate dalla detrazione del 50% per le ristrutturazioni, hanno un impatto positivo in termini di risparmio dei consumi energetici. L’elenco di tali opere, che è riportato nella «Guida rapida» dell’Enea, comprende anche gli elettrodomestici abbinati ai lavori edili (che fruiscono del bonus mobili del 50%).

Questa comunicazione non va confusa con quella da inviare per beneficiare dell’ecobonus (detrazione del 55-65%), che mantiene le procedure già in essere
La scadenza per l’invio all’Enea dei dati relativi ai lavori di risparmio energetico “generici”, agevolati con il bonus del 50% per il recupero edilizio, per questo primo anno di applicazione è stata prorogata al 1° aprile per tutti i lavori terminati entro il 2018.

La proroga è stata concessa in ragione del ritardo per la partenza del sito web dedicato. A regime, il termine per la comunicazione all’Enea per la detrazione del 50% sarà di 90 giorni dalla fine dei lavori (individuata con il collaudo delle opere, il certificato di fine lavori o dichiarazione di conformità, o la data del documento d’acquisto per gli elettrodomestici).
La trasmissione di dati errati relativi al 2018 potrà essere corretta entro il termine per l’invio della dichiarazione dei redditi (31 ottobre). Per i lavori conclusi dal 1° gennaio 2019 a breve sarà disponibile il nuovo sito dedicato dell’Enea.